Attività di ricerca

Il Progetto OLEA è articolato in diverse attività, ciascuna affidata a unità di ricerca altamente qualificate.

Attività del progetto

Genomica strutturale. Si propone la produzione di una sequenza di tipo draft del genoma, la sua annotazione dal punto di vista del contenuto in geni e in elementi ripetuti e il collegamento della sequenza alla mappa genetica, onde renderla utilizzabile per l’individuazione di geni e marcatori utili.

Genomica funzionale. Si intendono definire repertori di geni espressi e profili di espressione genica e proteica su una larga scala di genotipi coltivati e selvatici e su tessuti di diversi organi target, sedi di processi e funzioni fisiologiche dello sviluppo della pianta e degli organi riproduttivi.

Selezione varietale, breeding e valutazione delle risorse genetiche. L’attività ha come obiettivi il riordino, la caratterizzazione genetica e fenotipica e la definizione dello stato sanitario del germoplasma coltivato e spontaneo secondo metodi validati a livello internazionale, la selezione clonale-sanitaria e la selezione di nuovi genotipi attraverso un piano di miglioramento genetico per incrocio assistito da differenti strumenti molecolari per la valutazione dei caratteri utili nelle cultivar tipiche e per la costituzione di portinnesti.

Analisi degli organi riproduttivi e dei frutti. Si intendono individuare e comprendere i processi biologici e fisiologici che controllano il cambiamento di fase nella specie, la regolazione annuale dell’induzione fiorale, lo sviluppo degli organi riproduttivi e i meccanismi di auto-sterilità. Verranno altresì analizzati a livello molecolare i processi di sviluppo e maturazione del frutto e il metabolismo relativo ai composti primari e secondari veicolati nell’olio.

Studio dell’architettura dell’albero. Si propone l’individuazione e la comprensione dei processi di crescita della pianta, dell’interazione tra i diversi organi, del controllo della vigoria e della ramificazione della chioma e della regolazione dello sviluppo dell’albero in funzione della densità di impianto e della forma di allevamento.

Resistenza agli stress. Per gli stress biotici le attività previste includono l’identificazione e caratterizzazione di geni coinvolti nella resistenza all’attacco dei patogeni Verticillium dahliaeSpilocaea oleaginaPseudomonas savastanoi e della mosca (Bactrocera oleae) e la definizione dei profili metabolico e proteico correlati alla risposta della pianta a questi agenti. Inoltre saranno condotte attività riguardanti le principali virosi e lo studio degli elementi trasponibili di tipo retro virale introgressi ancestralmente nel genoma di olivo.
Per gli stress abiotici verranno studiate le risposte adattative dell’olivo a stress ambientali con particolare riferimento allo stress idrico e salino ed allo stress da freddo, al fine di definire le basi molecolari dei processi di adattamento a stress e di vernalizzazione della pianta.

Metabolismo e fisiologia. E’ da considerarsi propedeutico alle altre attività e ci si propone di studiare la variabilità dei metaboliti del frutto, con particolare attenzione ai composti di interesse salutistico, alle relazioni tra enzimi endogeni e composti fenolici e volatili del frutto e dell’olio vergine di oliva.

Sviluppo di una piattaforma bioinformatica. La piattaforma bioinformatica servirà ad elaborare i dati ottenuti dal sequenziamento genomico per tradurli in conoscenza sui geni e sulla loro annotazione strutturale e funzionale, ad integrare i dati ottenuti dalle attività di genomica strutturale e funzionale con le informazioni relative alle risorse genetiche e al breeding ed infine essa consentirà lo sviluppo e l’implementazione di un sistema avanzato di interrogazione dei database.

Lascia una risposta